La Svizzera e i suoi regali/ Switzerland and its gifts

Montagne, laghi, orologi, località sciistiche di fama internazionale come Zermatt, Crans Montana, Saas-Fee, Verbier, ma la  Svizzera non è tutto qui. La tradizione elvetica custodisce  anche un’arte culinaria e di vinificazione, limitata ma di nicchia e di qualità. Un caposaldo dell’edonismo culinario è la Fondue, che più che una ricetta viene considerato un rito conviviale. Nasce come piatto di recupero nella produzione  casearia, attività prevalente delle comunità alpine occidentali e si diffonde, inizialmente in ambito cittadino e borghese, per diventare piatto alla moda chic e informale solo negli anni ‘50/‘60, sull’onda dei primi flussi turistici e del boom degli sport invernali in zona. La materia prima è un misto di formaggi duri fusi in una casseruola calda chiamata caquelon, la cottura è rapida alla quale dovrà provvedere ciascuno dei commensali riuniti a tavola munito di apposita forchetta con la quale attingere a turno dal recipiente centrale posto su fornello. Oggi è l’Emmental il formaggio più utilizzato ma tutte le varietà svizzere garantiscono un ottimo risultato, al punto che diversi cantoni rivendicano, per distinguersi, una propria Fondue: oltre alla Savoyarde classica, troviamo la Fribourgeoise a base di Vacherin, la Neuchâteloise metà Gruyère e metà Emmental, l’Appenzeller al 100% del formaggio omonimo, mentre nella Svizzera centrale  è comune usare 1/3 ciascuno di Gruyère, Emmental e Sbrinz. Nel Vallese tipico è il locale Raclette, che viene direttamente “raschiato” dalla forma (“raclé”, da cui il nome) su una fonte di calore. Per accompagnare questo piatto, che rallegra le giornate fredde e grigie, un buon bicchiere di Fendant del Valais, il cui nome deriva dalle piccole fenditure che si creano sulla buccia degli acini maturi. Vino dal bouquet floreale e fruttato, accompagnato da una buona freschezza, ha una struttura elegante con note floreali di glicine e di frutta bianca, buccia d’arancia e di limone. Il corpo è morbido ed equilibrato. Se si vuole provare un’alternativa made in Italy un ottimo Verdicchio dei Castelli di Jesi dal caratteristico color oro verde, il profumo è ricco di fiori di campo, toni agrumati, pesca e mela, al gusto lascia un gusto finale di mandorla, sicuramente non deluderà!


Mountains, lakes, clocks, internationally renowned ski resorts such as Zermatt, Crans Montana, Saas-Fee, Verbier, but Switzerland is not everything here. Swiss tradition also preserves a culinary and wine-making art, limited but of niche and quality. A cornerstone of culinary hedonism is Fondue, which more than a recipe is considered a convivial ritual. It was born as a recipe for recovery in dairy production, a prevalent activity of the Western Alpine communities and spread, initially in the city and bourgeois context, to become a chic and informal fashionable dish only in the 50s and 60s, on the wave of the first tourist flows and the boom of winter sports in the area. The raw material is a mixture of hard cheeses melted in a hot casserole called caquelon, the cooking is quick and each of the diners will have to prepare them on a table equipped with a special fork with which to draw in turn from the central container placed on the cooker. Today Emmental is the most commonly used cheese, but all Swiss varieties guarantee an excellent result, to the point that several cantons demand their own Fondue: in addition to the classic Savoyarde, we find the Fribourgeoise based on Vacherin, the Neuchâteloise half Gruyère and half Emmental, the Appenzeller 100% of the homonymous cheese, while in central Switzerland it is the most popular cheese. In the typical Valais is the local Raclette, which is directly “scraped” by the shape (“raclé”, hence the name) on a source of heat. To accompany this dish, which cheers on cold and grey days, a good glass of Fendant del Valais, whose name derives from the small cracks that are created on the skin of the ripe berries. A wine with a floral and fruity bouquet, accompanied by a good freshness, it has an elegant structure with floral notes of wisteria and white fruit, orange peel and lemon. The body is soft and balanced. If you want to try an alternative made in Italy an excellent Verdicchio dei Castelli di Jesi with its characteristic green gold color, the scent is rich in field flowers, citrus tones, peach and apple, the taste leaves a final taste of almond, certainly will not disappoint!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s