Vini d’antiquariato\Antiques wines

Rispolverare una vecchia cantina ereditata, scoprire dei vini dimenticati da qualche antenato e lasciati riposare per anni, potrebbe rivelarsi una bellissima sorpresa, inconsapevolmente si potrebbe possedere un vero e proprio tesoro. Questi particolari nettari all’interno di vecchie bottiglie non sono vini di lungo invecchiamento, ma sono quelli che hanno superato da molto tempo la loro età di maturazione e di consumo e,  non ancora cadenti, stanno lentamente ed elegantemente invecchiando. Sono considerati d’antiquariato proprio perché possedere una tale bottiglia è una vera rarità e il loro valore spesso è piuttosto elevato, il record nei Guinness è 75.000 sterline per uno Château d’Yquem del 1811! L’esame di questi vini è una vera e propria expertise e si basa in primo luogo sull’analisi dello stato esteriore della bottiglia, successivamente si passa alla valutazione vera e propria del vino con la stappatura e la degustazione. Una bottiglia di oltre 30 anni può essere considerato un vino d’antiquariato e il suo contenuto è, se ancora in buono stato, sicuramente nella fase finale della sua vita, quindi la capacità di conservazione e la maturità del vino dipendono dalla qualità dello stesso e soprattutto da come è stato conservato. Per assaggiare un vino di oltre 30 anni prima di stapparlo è bene tenerlo fermo, magari in posizione inclinata per alcune settimane, in un locale buio e fresco. I vini che attraggono maggiormente il collezionista sono, tra gli italiani i piemontesi, Barbaresco, Barolo, i supertuscans, Brunello di Montalcino, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano, mentre tra i francesi i più stimati sono quelli provenienti dalle regioni vinicole del Bordeaux e della Borgogna.


Cleaning up an old inherited cellar, discovering wines forgotten by some ancestor and left to rest for years, could turn out to be a beautiful surprise, unconsciously you could have a real treasure. These particular nectars inside old bottles are not wines of long aging, but are those that have long exceeded their age of aging and consumption and, not yet falling, are slowly and elegantly aging. They are considered antiques because owning such a bottle is a real rarity and their value is often quite high, the record in Guinness is £75,000 for a Château d’ Yquem of 1811! The examination of these wines is a real expertise and is based first of all on the analysis of the external state of the bottle, then we move on to the actual evaluation of the wine with uncorking and tasting. A bottle of over 30 years old can be considered an antiques wine and its content is, if still in good condition, certainly in the final phase of its life, so the ability to preserve and maturity of the wine depends on its quality and especially on how it has been preserved. To taste a wine over 30 years old before uncorking, it is best to keep it still, perhaps in an inclined position for a few weeks, in a dark and cool place. The wines that attract the most collectors are piemontese, Barbaresco, Barolo, supertuscans, Brunello di Montalcino, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano, among the most respected French wines are those from the wine regions of Bordeaux and Burgundy.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s