Champagne made in U.K.

Tè, birra, sidro, gin o ancora Pimm’s, queste le bevande che saltano alla mente quando si pensa al Regno Unito, ma i cambiamenti climatici hanno portato anche a dei cambiamenti nella produzione del vino: anche gli anglosassoni producono vino e negli ultimi anni la qualità è decisamente migliorata. Si sta assistendo ad una vera e propria “rivoluzione vinicola”, gli sparkling wines britannici, ottenuti con rifermentazione in bottiglia, entrano nella classifica dei migliori vini spumanti del mondo. Si ritiene che il fenomeno del “global warming” consenta una migliore maturazione delle uve, altri sostengono che sia merito degli ingenti investimenti che hanno portato alla nascita di grandi cantine moderne e ancora che sia grazie a giovani e intraprendenti enologi inglesi che hanno studiato nelle più importanti scuole ed aziende mondiali. La natura ha però un suo merito. Se infatti il terroir migliore per la nascita di un grande champagne è costituito dal suolo gessoso dell’omonima regione e dal clima non mite del nord della Francia, le stesse condizioni climatiche si riscontrano nell’Inghilterra del sud, basti pensare alle celebri bianche scogliere di Dover che sono un agglomerato di gesso di fossili di belemnite. Per provare le produzioni vinicole della regina, ogni anno in giugno viene organizzata la English Wine Week, festival del vino che apre le porte delle cantine ai visitatori. Nel Kent la cantina Chapel Down Winery, nel Surrey la Denbies e in Cornovaglia la Camel Valley Vineyard per un’analisi sensoriale gustolfattiva indimenticabile.


Tea, beer, cider, gin or Pimm’s, these are the drinks that come to mind when you think of the United Kingdom, but climate change has also led to changes in wine production: the Anglo-Saxons also produce wine and in recent years the quality has definitely improved. A real “wine revolution” is taking place, the sparkling wines from the UK, obtained with refermentation in bottle, are entering the best sparkling wines in the world. It is believed that the phenomenon of “global warming” allows a better ripening of the grapes, others argue that it is due to the huge investments that have led to the birth of large modern cellars and that it is thanks to young and enterprising English oenologists who have studied in the most important schools and companies worldwide. However, nature has its merit. If, in fact, the best terroir for the birth of a great champagne is constituted by the chalky soil of the homonymous region and by the mild climate of northern France, the same climatic conditions are found in southern England, just think of the famous white cliffs of Dover which are an agglomeration of fossilised belemnite plaster. To try out the queen’s wine productions, every year in June the English Wine Week is organized, a wine festival that opens the doors of the wineries to visitors. In Kent, the Chapel Down Winery, Surrey la Denbies and Cornwall, Camel Valley Vineyard for an unforgettable sensory taste and aroma analysis.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s